Ulteriori chiarimenti sulla prova orale degli esami di stato 2019


Con la nota del 788 emessa il 06/05/2019, il Miur ha chiarito anche un aspetto importante delle modalità di svolgimento del colloquio del nuovo esame di stato della secondaria di II grado per alunni diversamente abili e DSA.

Come è noto, con il prossimo esame di stato la commissione d’esame dovrà dedicare un’apposita sessione alla preparazione del colloquio, nel corso della quale deve predisporre, per ciascuna classe, un numero di buste (con all’interno di materiali di cui sopra: testo poetico, in prosa …) pari a quello dei candidati aumentato almeno di due unità (ad esempio: classe di 23 alunni; vanno predisposte 25 buste).

In tal modo, anche l’ultimo candidato potrà esercitare la scelta fra tre differenti buste. Il colloquio si articola in quattro momenti:
avvio dai materiali e successiva trattazione di carattere pluridisciplinare (buste)
esposizione, attraverso una breve relazione e/o elaborato multimediale, dell’esperienza svolta relativamente ai percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento
accertamento delle conoscenze e competenze maturate nell’ambito delle attività relative a “Cittadinanza e Costituzione”;
discussione delle prove scritte

Il dubbio era se tali buste dovessero essere preparate e fatte sorteggiare o meno anche per i per candidati diversamente abili e DSA. Nella nota miur si chiarisce invece che per tali candidati, non trova applicazione la procedura di cui all’articolo 19, comma 5, dell’O.M. n.205 del 2019 che si riferisce proprio alla procedura di predisposizione delle buste da sorteggiare.

Pertanto per i candidati con i disabili certificati e DSA non è prevista la predisposizione delle buste né tanto meno il sorteggio. Sarà, pertanto, la commissione a proporre il materiale coerente con il PEI o PDP, da cui prenderà avvio il colloquio.

Questo il passaggio della nota del Miur ”In particolare, per lo svolgimento del colloquio trovano applicazione, rispettivamente, l’art. 20, comma 7, e l’art. 21, comma 5, dell’ordinanza ministeriale i quali prevedono che le commissioni d’esame sottopongano ai candidati con disabilità o disturbi specifici dell’apprendimento i materiali di cui all’art. 19, comma 1, predisposti in coerenza con il PEI o il PDP di ciascuno. Pertanto, non trova applicazione per i candidati con disabilità o disturbi specifici dell’apprendimento la procedura di cui all’art. 19, comma 5, dell’O.M. n.205 del 2019. (ndr sorteggio delle buste)”


fonte: https://www.professionistiscuola.it/normativa/3279-esame-di-stato-2019-colloquio-orale-niente-busta-e-sorteggio-per-diversamente-abili-e-dsa.html

fonte immagine: https://static.scuolazoo.com/2018/11/esame-orale-2019-dubbi-1060x706.jpg

Commenti