Ho contattato l'ispettore Clouseau per scoprire la soluzione agli esami di stato del secondo ciclo anno scol. 2017/2018

Il decreto sulla valutazione del 2° ciclo ha dei vuoti normativi, soprattutto sulla definizione e l'attuazione del'esame di Stato nell'anno scolastico 2017/2018.

Si perchè la riforma dell'esame di stato partirà dal 2018 ma sarà completa dall'anno scolastico 2018/2019.

Il Decreto Valutazione II° ciclo riguarda soltanto l'Esame di Stato.
Per l’ammissione degli studenti all’esame di Stato prevede una “votazione non inferiore ai sei decimi in ciascuna disciplina e un voto di comportamento non inferiore a sei decimi.
Nel caso di votazione inferiore a sei decimi in una disciplina … il consiglio di classe può deliberare, con adeguata motivazione, l’ammissione all’esame conclusivo del secondo ciclo. Per gli studenti con disabilità le prove d’esame, ove di valore equipollente, determinano il rilascio del titolo di studio conclusivo del secondo ciclo di istruzione. Agli studenti con disabilità, “per i quali sono state predisposte dalla Commissione prove non equipollenti a quelle ordinarie sulla base del piano educativo individualizzato o che non partecipano agli esami o che non sostengono una o più prove, viene rilasciato un attestato di credito formativo
”.

Rimane pertanto il problema per gli studenti che sosterranno l'esame di stato nell'anno 2017/2018 con la "vecchia" modalità cioè le tre prove scritte ma avranno lo stage sul groppone, la valutazione dell'Alternanza Scuola Lavoro sarà obbligatoria? E sull'Invalsi? Non rientrano come elemento di valutazione per il punteggio finale dell'esame di stato ma i test verranno somministrati prima dell'ammissione agli esami di stato.

Doveva essere una Legge "Delega" sulla valutazione... io ho contattato l'ispettore Clouseau, dovrà scoprire le modalità degli esami di stato del II° ciclio del prossimo anno.

Paolo Latella

Commenti